2021 – L’ANNO DEL DONATORE

Il 2021 ha portato alla Fidas Schiaffino un incremento nel numero di donazioni rispetto all’anno precedente: un +18 è dovuto all’aumento di sangue intero (+20), di piastrine (+2) e ad una lieve flessione di plasma (-4), per un totale di 255 sacche prelevate.

Sia a livello provinciale, sia nazionale, la FIDAS ha riscontrato questo aumento, mettendo ancora in risalto il buon cuore dei propri affiliati, sempre pronti a porgere il braccio per aiutare gli altri.

Oltre a ringraziare i donatori, fonte essenziale di vita, un grosso grazie va anche al personale ospedaliero del Centro Trasfusionale di Parma, pronto ad accogliere, come sempre al meglio, i donatori e mai come quest’anno ad ottemperare alle disposizioni di legge per quanto riguarda le misure anti-Covid.

Hai qualche domanda da farci?

NOTIZIE DA TALA E MADDALONI (DICEMBRE 2021)

La solidarietà e la generosità sono moltiplicatori naturali.
Lo sa bene il donatore di sangue di Fidas Schiaffino che anche quest’anno ha reso possibile un piccolo miracolo. Con il suo gesto ha fatto sì che l’associazione abbia potuto dare il suo contributo alla comunità di Tala, attraverso le adozioni a distanza.
II Covid-19 che, purtroppo, da quasi due anni stiamo combattendo, ha reso ancora più dura la vita dei bambini che non ricevono più un’istruzione adeguata. Gli adulti hanno perso il lavoro e ciò ha acuito la povertà e ha causato anche l’aumento dei matrimoni precoci.
Ma il piccolo contributo che tramite le vostre donazioni siamo in grado di mandare sta alleggerendo queste dolorose situazioni.
Anche in Italia, presso Maddaloni, Mission Bambini si prodiga a sostegno di realtà difficili che coinvolgono i minori, cercando di non far mancare tutto ciò che ruota attorno al mondo dell’istruzione, per consentir loro di non perdere il futuro.
Il ringraziamento di Mission Bambini anche quest’anno è una preziosissima strenna di Natale.
È ciò che più scalda il cuore e ci fa sentire umani nel significato più alto di questa parola.
Questo è il racconto della vera storia di un donatore che moltiplica il suo gesto. Andando a donare dà la possibilità alle persone di casa nostra, di salvarsi, ma anche dall’altra parte del mondo si sente l’eco del suo gesto.

Qui di seguito i video che l’associazione Mission Bambini ha pubblicato:

INFLUENZA STAGIONALE 2021: CAMPAGNA VACCINALE AL VIA

È iniziata lunedì 25 ottobre la campagna di vaccinazione anti-influenzale attuata dall’Azienda AUSL di Parma con la collaborazione dei Medici di medicina generale e dei Pediatri di libera scelta.

Soprattutto quest’anno è importante vaccinarsi, vista la co-circolazione dei virus dell’influenza e del coronavirus, in modo da rafforzare la copertura vaccinale e ridurre le complicanze da influenza, semplificando diagnosi e gestione dei casi sospetti, soprattutto in età adulta, vista la sintomatologia respiratoria sovrapponibile per covid-19 e influenza. 

La vaccinazione per i donatori di sangue è gratuita, in quanto classificati come addetti a servizi pubblici essenziali. Dopo la vaccinazione antinfluenzale, il tempo di attesa per fare una donazione di sangue è di 48 ore.

COME PRENOTARE LA VACCINAZIONE GRATUITA

Per quanto riguarda gli addetti ai servizi pubblici essenziali, categoria nella quale sono catalogati i donatori di sangue, essi devono fare richiesta compilando  il modulo on line (clicca QUI per aprirlo), visualizzabile anche all’interno seguente link: https://www.ausl.pr.it/comunicazione_stampa/approfondimenti_news/prenotazione_line_della_vaccinazione_antinfluenzale_negli.aspx

La compilazione consiste in due parti: nella prima viene richiesto un indirizzo mail al quale verrà mandato il link con cui si accederà alla richiesta di prenotazione effettiva. Aprendo questo link si accede alla seconda parte della compilazione, nella quale si devono immettere i dati personali (Nome, Cognome, Codice Fiscale, ecc.). Verrà richiesta la categoria richiedente il vaccino: i donatori di sangue dovranno selezionare la categoria ADDETTI AI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI.

Una volta inviato il modulo, l’appuntamento sarà comunicato telefonicamente dagli operatori dell’AUSL e la vaccinazione verrà eseguita negli ambulatori di Igiene e Sanità Pubblica di Parma e provincia.

* Teniamo a ricordare a tutti i donatori e a chiunque leggerà questo articolo che il servizio di prenotazione e di distribuzione del vaccino antinfluenzale sopra descritto è interamente gestito dall’AUSL di Parma.

UNA MEDAGLIA PER I DONATORI: LUGLIO VALE 39!

Luglio 2021 ha fatto registrare un’accentuata carenza di sangue e la macchina della Fidas Schiaffino, insieme alle altre associazioni del dono, coordinate dal Centro Trasfusionale dell’Ospedale Maggiore di Parma, si è messa in moto per raggiungere i propri donatori affinché donassero prima di partire per le vacanze. Oltre all’appello inviato tramite il quotidiano Gazzetta di Parma e l’emittente televisiva 12TV Parma dal Dott. Maurizio Soli (direttore di Immunoematologia e Medicina trasfusionale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma), da Ines Seletti (presidente Fidas Parma) e da Roberto Pasini (presidente Avis provinciale Parma), Fidas Schiaffino, in primis, si è incaricata di contattare tutti i suoi donatori idonei alla donazione.

I post e le storie sui social Facebook e Instagram, insieme alle comunicazioni ufficiali dal nostro numero WhatsApp (3389654177), hanno portato i loro frutti.

La risposta è stata di quelle da ricordare. I nostri donatori, come sempre, non hanno esitato a rispondere all’appello, andando al di là di ogni più rosea aspettativa, effettuando ben 39 donazioni.

Di questa corsa alla donazione potranno giovarne i reparti ospedalieri dove vengono curati i pazienti emopatici, soprattutto quelli cronici, come emoglobinopatici e talassemici, oltre ai tanti pazienti sottoposti a interventi chirurgici di routine.

La richiesta di sangue continua anche ad Agosto e siamo sicuri che i nostri donatori non faranno mancare il loro prezioso contributo.

Hai ancora bisogno di aiuto?

CONTINUIAMO A DONARE IL SANGUE, NON CI FERMIAMO

L’attenzione verso l’approvvigionamento di sangue non finisce mai e quello che si sta per affrontare è uno dei periodi più critici dell’anno.

Infatti, durante l’estate, cresce il bisogno di sacche di sangue, a causa dell’aumento dei turisti, dell’incremento del traffico dovuto agli spostamenti dei vacanzieri e relativi incidenti stradali, che si aggiungono alle quotidiane necessità per interventi chirurgici e per tutte quelle attività rimandate durante il lockdown.

Anche quest’anno la Regione Emilia-Romagna, insieme alla FIDAS e alle altre associazioni del dono, lancia la campagna di promozione del dono del sangue per l’estate 2021

“ContinuiAMO a DONARE IL SANGUE, non ci fermiamo”

Quindi, che cosa resta da fare?

Vi invitiamo a programmare la vostra donazione prima delle vacanze estive, rispettando i 3 giorni (o 7, terminati eventuali sintomi) dopo la vaccinazione anti – Covid.

Potrete farlo contattando la segreteria sanitaria della Fidas Provinciale presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Maggiore (padiglione 8) nei giorni feriali dal lunedì al venerdì e il secondo e ultimo sabato del mese tra le 8.00 e le 12.00, telefonando al numero 0521 703034   o   0521 703877

Hai ancora bisogno di aiuto?

Hai domande o hai bisogno di aiuto? Siamo qui per aiutarti. Contatta il nostro amichevole team di supporto tramite WhatsApp.

IL VOLONTARIATO PATRIMONIO CULTURALE IMMATERIALE UNESCO

Era il 5 ottobre del 2010 quando l’allora Gruppo Giovanile ADAS Roberto Schiaffino si fece promotore dell’iniziativa per candidare la pratica del DONO DEL SANGUE come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Unesco. Coinvolgendo l’Adas Provinciale di Parma e la FIDAS Nazionale, il progetto cominciò il suo lungo percorso: ci fu detto da subito che l’iter sarebbe stato lungo, anche perché avrebbe dovuto coinvolgere le associazioni di donatori di sangue presenti in tutto il mondo. A distanza di quasi undici anni siamo lieti di informarvi che il 6 maggio in occasione della Cerimonia di chiusura di Padova Capitale Europea del volontariato, Emanuele Alecci, presidente del Centro servizi per il volontariato di Padova e Rovigo, ha lanciato ufficialmente la candidatura del VOLONTARIATO quale Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità UNESCO.

Una candidatura a maggior ragione motivata dal ruolo essenziale ricoperto dai volontari di tutto il mondo per fronteggiare l’emergenza legata alla pandemia da Covid 19, un lavoro prezioso e faticoso che va protetto e valorizzato. Al di là di ogni interesse personale infatti e mettendo a rischio la propria salute, i volontari hanno aiutato e continuano ad aiutare tutte le persone che hanno bisogno, in particolare quelle più fragili.

A coronamento di quanto detto, riportiamo la dichiarazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato del 5 dicembre 2020, ricorrenza celebrata il 5 dicembre di ogni anno  designata dalla risoluzione 40/212 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 17 dicembre 1985.

«In questa giornata desidero esprimere sincera gratitudine al mondo del volontariato e a quello del Terzo Settore, per il sostegno che sta assicurando alla comunità particolarmente colpita dalla pandemia. In questi mesi, i volontari hanno svolto con dedizione e altruismo un ruolo fondamentale, dedicando spontaneamente il loro tempo alle persone in difficoltà. Nel rimanere vicino a chi soffre, ai più deboli, a chi ha bisogno di aiuto, i volontari hanno spesso sacrificato la propria salute, perdendo in alcuni casi anche la vita pur di donare aiuto. La pandemia ha evidenziato fragilità sociali ed economiche. Le misure per cercare di rallentare la diffusione della pandemia hanno cambiato il modo in cui viviamo, ma le attività dei volontari e delle volontarie non si sono fermate portando, con coraggio e abnegazione, conforto fattivo alle categorie più vulnerabili. Il volontariato nel nostro Paese ha radici lontane, è un importante volano di solidarietà ed è stato artefice, lavorando in sinergia con i territori, di un profondo cambiamento sociale che ha migliorato la qualità della vita della collettività. Sostenere il volontariato e facilitare la partecipazione dei nostri giovani in questo settore concorre alla formazione di cittadini responsabili in grado di affrontare sfide locali e globali, contribuendo attraverso l’inclusione alla creazione di una società sempre più equa e priva di pregiudizi, in cui si rafforzano i valori di generosità e di altruismo».

La Fidas Schiaffino è pertanto felice di aver fatto la sua piccola parte per innescare questo progetto che ha assunto dimensioni ancora più importanti, coinvolgendo l’intero mondo del volontariato.

VACCINAZIONE COVID E DONAZIONE: QUANDO E COME?

In questi giorni la campagna vaccinale in Italia è nel momento di maggior espressione. A Parma, così come in Emilia-Romagna sono state programmate, dopo le fasce più a rischio, le prenotazioni per le altre categorie restanti.

L’obiettivo della regione Emilia-Romagna è quello di realizzare il maggior numero di vaccinazioni al giorno per raggiungere il più velocemente possibile gli addetti alle strutture ricettive, dalla costa all’Appennino, dalle città d’arte agli altri itinerari.

Dal 7 Giugno sono partite le prenotazioni per le vaccinazioni per gli under 40: il 7 e 8 Giugno è stato il turno dei nati tra il 2002 e il 2009, il 9 e 10 Giugno per quelli nati tra il 1982 e il 1986. Qui di seguito sono elencati i giorni di prenotazione per i restanti under 40:

  • 11, 12, 13 Giugno per i nati dal 1987 al 1991 (30-34 anni)
  • 14, 15 Giugno per i nati dal 1992 al 1996 (25-29 anni)
  • 16, 17, 18 Giugno per i nati dal il 1997 al 2001 (20-24 anni)

Come prenotare la vaccinazione?

È possibile farlo di persona nei CUP o nelle farmacie con prenotazioni CUP, via web attraverso il fascicolo sanitario elettronico, con app ER SALUTE e CUP WEB, oppure telefonicamente ai numeri predisposti dalle singole aziende sanitarie (per Parma 800.608.062 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 16 e il sabato dalle 9 alle 13).

Come si dovrà comportare il donatore di sangue dopo la vaccinazione?

Il donatore di sangue che farà il vaccino, dovrà aspettare 3 giorni dall’avvenimento (vaccini Pfizer Biontech, Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson). In via precauzionale, qualora dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2, si sviluppassero sintomi, per essere accettati alla donazione di sangue e/o plasma è necessario che trascorrano almeno sette giorni dalla completa risoluzione dei sintomi stessi.

In occasione della donazione, il donatore dovrà esibire il certificato vaccinale in cui è indicato il tipo di vaccino cui si è stati sottoposti.

Se è stato somministrato un vaccino anti-SARS-CoV-2 di cui manchino o non si riescano a reperire sufficienti informazioni, si è idonei alla donazione di sangue e/o plasma dopo almeno 4 settimane da ciascun episodio vaccinale.

Per qualsiasi altra informazione o precisazione al riguardo, la nostra segreteria FIDAS Parma presso il Centro Trasfusionale dell’ospedale Maggiore di Parma resta a disposizione ai numeri 0521703877 e 0521703034.

* tutte le informazioni riportate fanno riferimento alla circolare inviata dal Servizio Sanitario Regionale per la regione Emilia-Romagna e dal Centro Regionale Sangue Emilia-Romagna

Come possiamo aiutarti?

Contattaci tramite WhatsApp.

NOTIZIE DA TALA E MADDALONI

Già da qualche anno la Fidas Schiaffino ha intrapreso un percorso di adozione di due gruppi di bambini, a Tala (Bangladesh) e a Maddaloni (Caserta), dai quali riceviamo costanti aggiornamenti.

Tala (Bangladesh)

Nel 2020 il Covid-19, oltre ad aggravare la situazione sanitaria in Bangladesh, ha accentuato le difficoltà nell’educazione scolastica delle comunità arretrate. Tuttavia, visto che da aprile le scuole sono state chiuse, l’organizzazione Dalit ha adottato un metodo alternativo, inviando gli insegnanti delle scuole Dalit a casa degli studenti che, a gruppi di 5-6 per volta e rispettando le norme anticovid, hanno così potuto continuare il piano della loro istruzione. Nel nostro piccolo anche la Fidas Schiaffino ha contribuito, tramite l’adozione a distanza dei bambini di Tala, a dar loro una speranza in più. Malgrado tutto questo, molti bambini hanno abbandonato la scuola e ciò principalmente per la crescente crisi economica che costringe gli studenti ad avere matrimoni precoci. È il caso di Naupur (17 anni), Padma (15), Anjana (15), Ruma (13) e Seema (15) che hanno dovuto sposarsi durante il lockdown, quando il fermo scuola non ha permesso agli insegnanti di monitorare questi casi famigliari e di impedire matrimoni in età non maritabile per alleggerire il nucleo famigliare di una spesa. Accanto a queste tristi notizie, ve ne sono anche di liete, come quelle che riguardano Razu che, grazie all’aiuto di Mission Bambini frequenta la scuola con profitto e sogna di diventare un bancario e di Amit, che ha potuto riprendere a studiare dopo aver dovuto interrompere gli studi a causa della povertà della sua famiglia.

Maddaloni (Caserta)

Dopo il prolungato tempo di chiusura dell’asilo nido “Na casa pe’ tutt’ ‘e piccerille” di Maddaloni a causa delle disposizioni per combattere il Covid, dal 7 gennaio i bimbi hanno potuto di nuovo beneficiare del nido in questi mesi prima dell’ultima recente chiusura a ridosso della Pasqua. In questo periodo i bimbi hanno potuto godere della bellezza e dell’importanza dello stare insieme, sperimentando il mondo attraverso le attività didattiche proposte dallo staff di Mission Bambini e anche grazie al contributo dato loro da associazioni come la Fidas Schiaffino. In particolare hanno avuto un grande successo la giornata del 16 febbraio 2021 in cui si è svolta la festa di Carnevale e quella del 26 febbraio con un’attività legata all’olfatto.

IL DONO NON È UN PESO

C’è chi pensa che se si è atleti, donare sangue possa indebolire. Non è il caso di Aurora, donatrice e testimonial della Fidas Schiaffino con la sua squadra Labas Parma di sollevamento pesi. Insieme al suo coach Paolo Gallarotti, anch’egli donatore di sangue Fidas Schiaffino, sabato 13 Marzo è salita sul podio del PalaPellicone (Pala FIJLKAM) di Ostia (Roma). La medaglia d’oro conquistata da Aurora Cocconcelli l’ha incoronata campionessa italiana assoluta di strappo e di slancio sollevando 86kg nello strappo e 103kg nello slancio nella categoria 71kg.

Aurora si è posizionata davanti a Beatrice Asdente con 80 kg e Carlotta Fiori con 78 kg nello strappo. Nello slancio, invece, si è posizionata prima nonostante i tentativi di Giulia Franco, che si ferma però a 99 kg. Bronzo ancora una volta per Carlotta Fiori con 96 kg.

Un successo, quello di Aurora, che fa gioire tutti noi di Fidas Schiaffino, fieri di avere tra i nostri donatori-testimonial una ragazza che in soli due anni e mezzo di allenamento è riuscita ad essere presente ai Campionati Italiani Assoluti di Specialità 2021 insieme ad altre atlete di altissimo livello e di portare a casa ben due medaglie d’oro.

Programmi per il futuro? Il suo coach Paolo ci ha detto che la prossima settimana festeggeranno con una donazione di sangue presso il Centro Trasfusionale di Parma! E allora che altro dire? Si vede che sono campioni nati!

Bravissima Aurora, bravissimo Paolo e tutti i ragazzi di Labas che non fanno mai mancare il loro supporto con le loro donazioni di sangue per Fidas Schiaffino.

Hai ancora bisogno di aiuto?

5×1000 A FIDAS SCHIAFFINO ODV

Malgrado la pandemia abbia rallentato o addirittura bloccato alcune attività nella vita di chiunque, la Fidas Schiaffino è comunque riuscita, nel 2020, a centrare la propria mission, promuovendo la cultura della donazione del sangue, incrementando il numero di donatori e donazioni, grazie al materiale informativo prodotto, alle campagne sui social e ad un rinnovamento del sito web.

Non sono mancati poi i gli aiuti a favore di chi ha avuto bisogno. Infatti, sono state rinnovate le adozioni dei bambini di Maddaloni (Caserta) e di Tala (Bangladesh) e, nel primo periodo del Covid, abbiamo donato 4.000 mascherine chirurgiche al Centro Trasfusionale e 8 barelle completamente accessoriate al Pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore di Parma.

Tutto ciò è stato possibile anche grazie al contributo del 5X1000 che molti ci hanno destinato e per il quale chiediamo ancora di mostrarci la vostra generosità: devolvete il 5X1000 alla FIDAS SCHIAFFINO ODV, inserendo nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale

92061300346

Grazie!!!